Bonus facciate: la detrazione del 90%


Lavori_casa

Il Bonus Facciate è la novità introdotta nel 2020 dentro la grande famiglia delle detrazioni sui lavori che hanno per oggetto le abitazioni. In questo articolo vediamo nel concreto di cosa si tratta.

Partiamo dalla legge, che dice: “… per le spese documentate, sostenute nell’anno 2020, relative agli interventi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B ai sensi del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, spetta una detrazione dall’imposta lorda pari al 90 per cento”.

Cosa significa? Facciamo emergere gli aspetti sostanziali della detrazione

  • La detrazione al 90% senza limite di spesa

Non sono previsti, come accade invece per gli altri bonus su ristrutturazioni, risparmio energetico, ecc., limiti massimi di spesa oltre i quali l’onere cessa di essere detraibile. Nella sostanza il Bonus Facciate permette la detrazione del 90% su qualunque monte di spesa. Tradotto: se per le ristrutturazioni negli appartamenti vige il noto limite di spesa pari 96.000 euro, nel senso che fino a 96.000 euro detraggo il 50%, ma se spendo di più detraggo comunque il 50% di 96.000 euro, viceversa il Bonus Facciate prevede che non vi sia nessun tetto di spesa ai fini della detraibilità.

  • Attenzione alla zona dove è ubicata l’abitazione

Hanno diritto al bonus le persone la cui abitazione è ubicata nelle zone A e B. La A è quella che include le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti, che possono considerarsi parte integrante, per tali caratteristiche, degli agglomerati stessi. La B include tutte le parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, diverse dalla A.

Un consiglio: se non si è a conoscenza della zona in cui si trova la propria abitazione, basta recarsi nell’ufficio tecnico del proprio comune e chiedere.

  • La detrazione spetta per quali lavori?

Per i lavori “finalizzati al recupero o restauro della facciata degli edifici”. Si noti che il legislatore parla di “edifici” in generale, non specificatamente di aree o facciate condominiali, quindi significa che il bonus potrà essere richiesto tanto per i lavori effettuati privatamente quanto per quelli collettivi svolti appunto in un condominio.

Saranno considerati detraibili anche gli interventi “di sola pulitura o tinteggiatura esterna”. È questa una specifica sostanziale che il legislatore inserisce non a caso, considerando che storicamente, da che esiste il bonus ristrutturazioni, la manutenzione ordinaria non è mai stata detraibile per i lavori sulle singole abitazioni private, mentre lo è stata (e continua a esserlo) per i lavori condominiali.

L’apertura, quindi, è indirizzata più che altro alle future manutenzioni ordinarie effettuate sulle facciate private. Detto in parole povere, anche una semplice rimbiancata della palazzina familiare o della casa al mare, sarà sufficiente a ottenere il bonus in dichiarazione. La sostanza del messaggio è fin troppo chiara, ovvero un incentivo a migliorare l’aspetto delle proprie abitazioni e di conseguenza dei centri urbani.


 

Fonte: Luca Napolitano di CAF ACLI 


apri la Chat

Condividi: